NEWS ESTERO CORONAVIRUS

Coronavirus: un caso positivo a Torino. Cirio: 'situazione sotto controllo'

Coronavirus: un caso positivo a Torino. Cirio: 'situazione sotto controllo'

Lascia la recensione
Il contagio dal focolaio lombardo. Dalla Regione Piemonte un servizio di tampone a domicil...

 

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio © ANSA
Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio - RIPRODUZIONE RISERVATA
+CLICCA PER INGRANDIRE
Redazione ANSA TORINO
22 febbraio 202018:00
News

Suggerisci
Facebook
Twitter
Altri

A-
A
A+

Stampa
Scrivi alla redazione

Pubblicità 4w
Passa a Eni gas e luce
Questo Carnevale scopri Link di Eni gas e luce.
Scopri di più
TIM SUPER FIBRA
29,90€/mese tutto compreso. Passa a TIM!
ATTIVA ORA

Un caso di coronavirus anche in Piemonte. Si tratta di un torinese di 40 anni. "Non è un focolaio piemontese ma lombardo". Così l'assessore regionale alla sanità, Luigi Icardi, sul primo caso di positività al Coronavirus registrato in Piemonte. Il paziente si è ammalato, ha spiegato il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, "dopo essere entrato in contatto con il ceppo lombardo". I familiari dell'uomo sono sotto osservazione.

Il torinese colpito da Coronavirus "ha un po' di febbre ma è in buono stato di salute". Lo ha detto il governatore Alberto Cirio dalla sala operativa della Protezione civile, dove alle 15 di oggi è stata convocata una Unità di Crisi che "resterà aperta h24". "La situazione è totalmente sotto controllo. Le nostre strutture sono in grado di affrontare la situazione. Nessun allarmismo, ma nervi saldi". ha detto il governatore del Piemonte. "Qualsiasi situazione - ha aggiunto - potrà essere gestita. Non c'è nessuna emergenza".

"L'Assessorato alla sanità del Piemonte ha predisposto un servizio per fare il tampone a domicilio". Lo ha annunciato il governatore Alberto Cirio, il quale ha sottolineato che "affollare i pronto soccorso degli ospedali sarebbe deleterio".

"Chiunque presenti sintomi sospetti - ha aggiunto - o abbia il timore di avere avuto contatti a rischio è invitato a chiamare il numero 1500 o il 118 o il proprio medico di base". "Le ambulanze arriveranno in tempi molto rapidi per eseguire il tampone a domicilio", ha ancora detto Cirio. "Negli ospedali - ha poi spiegato il governatore - stiamo predisponendo dei percorsi speciali separati per chi presenti una sintomatologia sospetta. Inoltre stiamo comprando delle attrezzature che ci permetteranno di dimezzare il tempo del responso, che passerà alle attuali sei ore a tre ore".

Leggi di più
Sono saliti a 36 gli italiani positivi ai test del Coronavirus

Sono saliti a 36 gli italiani positivi ai test del Coronavirus

Lascia la recensione
Sono stati valutati, ad oggi, allo Spallanzani 77 pazienti sottoposti al test per la ricer...

"Sono arrivati a sette i casi di persone risultate positive ai test sul Coronavirus in Veneto", ha detto detto il governatore del Veneto Luca Zaia. "I sette casi - ha aggiunto - sono tutti di Vo' Euganeo tra cui due familiari del deceduto". Sarebbero secondo quanto si è appreso, la moglie e la figlia dell'uomo. Tra i contagiati in Veneto, un paziente residente nel Comune di Mira (Venezia), di 67 anni ricoverato la notte scorsa a Padova perchè positivo al Coronavirus. Lo ha reso noto il sindaco di Mira, Marco Dori, spiegando che al momento non sono state decise misure di isolamento del comune, anche se più persone si stanno sottoponendo ad accertamenti. "In primis i familiari, gli amici e le persone rimaste a contatto con il 67enbe contagiato" ha detto. Dori ha invitato i cittadini "a restare a casa, in questa fase, e a limitare il più possibile i contatti esterni. "Distribuiremo gel contro i microbi nella principali luoghi di aggregazione. Non ci sarà, per il momento, una quarantena".

Inoltre sono ventinove i pazienti risultati positivi ai test e che risiedono in Lombardia. Tra questi, due contagiati nel Pavese: si tratta di due medici di Pieve Porto Morone (Pavia), un comune della Bassa vicino alla provincia di Lodi. Dalla notte scorsa sono ricoverati al reparto di Malattie Infettive del San Matteo. La notizia è stata riferita all'ANSA da fonti qualificate. I due medici, marito e moglie, sono stati riscontrati positivi al primo controllo. Il marito opera come medico di base a Pieve Porto Morone (Pavia) e Chignolo Po (Pavia). La moglie è una pediatra che lavora nella zona di Codogno (Lodi).

Leggi di più
Una seconda vittima italiana, è una donna  Sono 29 i contagiati tra Lombardia e Veneto

Una seconda vittima italiana, è una donna Sono 29 i contagiati tra Lombardia e Veneto

Lascia la recensione
Due treni fermi a Milano e Lecce per casi sospetti.

Una donna in Lombardia e un uomo in Veneto sono i primi 2 morti per Coronavirus in Italia. Due treni fermi a Milano e Lecce per casi sospetti. Trenord ha disposto la chiusura delle stazioni di Codogno, Maleo e Casalpusterlengo. Nuova fase ma non è allarme massimo. Una decina di comuni isolati. Alloggi militari per la quarantena in Emilia-Romagna e Lombardia

Leggi di più
Coronavirus: un padovano il primo morto in Italia

Coronavirus: un padovano il primo morto in Italia

Lascia la recensione
Primi test positivi per alcune persone entrate in contatto con i due contagiati

Primi due casi di Coronavirus confermati in Veneto a Padova e uno dei due è ufficialmente la prima vittima del Coronavirus in Italia. E' un uomo di 77 anni, Adriano Trevisan, padre dell'ex sindaco di Vo', paese sui Colli Euganei.

Lui e un suo concittadino di 68 anni erano risultati positivi a due serie consecutive di test anticoronavirus a cui erano stati sottoposti. Un terzo test - cui entrambi sono stati sottoposti per sicurezza - è in attesa di conferma. I campioni sono stati infatti immediatamente inviati all'Istituto Spallanzani di Roma, referente nazionale, per la conferma definitiva.

I test saranno ripetuti sulle persone che li hanno accolti: Pronto soccorso, Medicina, Geriatria e Terapia intensiva.

Leggi di più
Coronavirus, possibile la trasmissione senza sintomi

Coronavirus, possibile la trasmissione senza sintomi

Lascia la recensione
Esperti, come per tutti i virus respiratori. Basta la stretta vicinanza

 

Se ne discute fin dall'inizio dell'epidemia del nuovo coronavirus e finora è spesso accaduto che le posizioni del mondo istituzionale e di quello scientifico fossero discordi sulla possibilità della trasmissione del virus SarsCov2 anche in assenza di sintomi. Tuttavia anche ricerche recenti mettono finalmente ordine nella vicenda.

Da sempre tutti i virologi sono stati concordi nel sostenere la possibilità della trasmissione asintomatica, ma i primi dati relativi al nuovo coronavirus risalgono a fine gennaio, con la descrizione di un caso di trasmissione asintomatica in Germania sul New England Journal of Medicine. La stessa rivista ha appena pubblicato uno studio cinese che indica come la quantità di coronavirus presente nel naso e nella gola delle persone asintomatiche può raggiungere livelli paragonabili a quelli dei malati con sintomi, rendendoli potenzialmente infettivi. Casi di portatori asintomatici del virus erano presenti anche sulla nave Diamond Princess prima che scattasse la quarantena.

"Il contagio asintomatico è tecnicamente possibile, anche se non abbiamo informazioni sul modo in cui la liberazione del virus possa avvenire in una fase asintomatica", ha detto l'esperto di malattie infettive Massimo Galli, dell'Università di Milano e primario dell'ospedale Sacco.

"Una fase asintomatica esiste per tutti i virus che colpiscono le vie respiratorie e dipende dalla quantità di virus presente nell'organismo", ha rilevato Giorgio Palù, ordinario di Microbiologia e Virologia dell'Università di Padova. "La diffusione delle particelle virali - ha aggiunto - avviene con l'emissione di aerosol anche parlando con una stretta contiguità, alla distanza di un metro".

Nel periodo a rischio per la trasmissione asintomatica, dice ancora Palù, rientra anche quello che intercorre tra il contagio e la comparsa della febbre. La prudenza è d'obbligo anche considerando che è possibile essere negativi al test che individua le particelle del virus nel sangue: questo può dipendere dal punto in cui è stato fatto il prelievo con il tampone, per esempio se dalla gola o dal naso. E' anche possibile che l'infezione sia passata dalle vie aeree superficiali a quelle profonde.

Ala luce di queste considerazioni la quarantena è una misura "assolutamente necessaria" per controllare la diffusione del virus, ha detto l'immunologo Antonio Lanzavecchia, direttore dell'Istituto di Ricerca in Biomedicina (Irb) di Bellinzona. "Poiché abbiamo visto come una singola persona possa portare un focolaio d'infezione, misure come la quarantena sono assolutamente necessarie". Questo, secondo l'esperto, può accadere perché "la contagiosità di un virus è variabile" e "dal punto di vista biologico non si è infettivi soltanto quando si hanno i sintomi". Bisogna inoltre considerare che la capacità di diffusione di un virus è tipica anche di chi è convalescente, come accade per l'influenza e per altre malattie virali.

L'ultima parola in fatto di trasmissione senza sintomi spetta comunque alla ricerca condotta in Cina e appena pubblicata sul New England Journal of Medicine. I dati, ha rilevato il medico Roberto Burioni con il collega Nicasio Mancini, indicano che la quantità di virus raggiunge il picco subito dopo la comparsa dei primi sintomi, con livelli elevati nelle prime vie respiratorie.

L'altro elemento importante che emerge da questa ricerca è la facilità con cui coronavirus si moltiplica anche nelle persone senza sintomi, risultando presente in quantità nelle mucose di naso e gola: è la conferma, rilevano i due esperti, che "una maggiore quantità di virus può, attraverso il muco o la saliva, raggiungere un individuo sano, ovvero che è più alta la possibilità di infettarlo". E' una conferma, concludono, di come "anche chi non ha sintomi può trasmettere l'infezione".

Leggi di più
Il nuovo coronavirus (Covid-19) è arrivato in Italia: ci sono 16 contagiati

Il nuovo coronavirus (Covid-19) è arrivato in Italia: ci sono 16 contagiati

Lascia la recensione
in Lombardia nel Lodigiano, e due in Veneto, nel Padovano.

Sedici persone sono risultate positive al Covid-19. Chi è tornato dalla Cina nei precedenti 14 giorni deve rimanere a casa

Ai cittadini di Castiglione d’Adda (4.600 abitanti), di Codogno (16 mila abitanti) e di Casalpusterlengo (15 mila e 200 abitanti) è stato chiesto di «rimanere in ambito domiciliare», di «evitare contatti sociali» e di non andare al pronto soccorso nel caso in cui si sospetti di avere contratto la malattia. Chi ha sintomi influenzali o problemi respiratori deve contattare il numero 112.

Scuole e uffici chiusi in dieci Comuni in Lombardia e uno in Veneto per almeno una settimana:

Casalpusterlengo: scuole e nidi chiusi.Chiusi anche bar e ristoranti, oltre agli uffici comunali.

Codogno: Chiusi anche gli uffici e le palestre, che in orario extra scolastico vengono utilizzate da società sportive. Almeno fino a domenica chiusi anche gli impianti sportivi e, scrive il sindaco, «tutti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, di pubblico intrattenimento e i luoghi di assembramento pubblico», ad esempio «discoteche, sale da ballo, sala giochi».

Castiglione d’Adda: Chiusi anche gli Uffici comunali, biblioteca pubblica e centro di raccolta comunale dei rifiuti e sospese «tutte le attività ricreative, sportive e di socializzazione» e le manifestazioni per il Carnevale.

Maleo

Fombio

Somaglia

Bertonico

Castelgerundo

Terranova dei Passerini

San Fiorano

Vo Euganeo (Padova): chiusi anche gli esercizi commerciali. Il tempo di chiusura non è stato ancora precisato dal presidente della Regione, Luca Zaia.



Leggi di più
Coronavirus, tre nuovi contagi in Italia

Coronavirus, tre nuovi contagi in Italia

Lascia la recensione
Un 38enne la moglie incinta e un amico

Sono tre le persone risultate positive al coronavirus nelle ultime ore in Lombardia.

Grave un trentottenne italiano ricoverato ieri in prognosi riservata all'ospedale di Codogno, in provincia di Lodi. Gli altri due contagiati sono la moglie incinta all'ottavo mese (è un'insegnante di liceo che al momento non sta lavorando) e una terza persona che si è presentata spontaneamente in ospedale con sintomi di polmonite e che avrebbe avuto dei contatti con il 38enne.

Sono ormai 100 le persone che potrebbero essere entrate in contatto diretto con il 38enne ricoverato a Codogno: per loro scatta la quarantena.

Leggi di più
Coronavirus in Cambogia, a Sanremo un italiano in isolamento volontario

Coronavirus in Cambogia, a Sanremo un italiano in isolamento volontario

Lascia la recensione
È ligure uno degli italiani sbarcati dalla Ms Westerdam. Un'americana scesa dalla nave è r...

C'è un uomo che vive in Liguria tra gli italiani scesi dalla nave da crociera ormeggiata in Cambogia, la Ms Westerdam, che trasportava una persona affetta da Coronavirus, ma i cui passeggeri sono stati fatti sbarcare senza controlli. La nave, dopo aver cercato di approdare in cinque porti diversi, è attraccata nel porto di Sihanoukville. Dopo controlli - apparentemente non sufficienti - fatti a bordo, un migliaio di passeggeri sono sbarcati nei giorni scorsi. Tra di loro un’anziana signora americana, che è stata trovata positiva al coronavirus. Dalla Westerdam, che ospitava oltre 2.200 persone (1.455 crocieristi di 41 Paesi diversi e 802 membri dell’equipaggio) sono sbarcati anche tre italiani. Uno solo di loro vive in Italia, a Sanremo, dove si è sottoposto a «isolamento fiduciario volontario al domicilio» e «sarà sottoposto alle misure di sorveglianza sanitaria previste dal protocollo implementato da Regione Liguria», fa sapere l'Agenzia ligure per la sanità. Altri due italiani sono arrivati in Germania e Slovacchia, dove risiedono abitualmente. Nessuno dei due presenta sintomi e si sono posti in isolamento volontario domiciliare, monitorato. Due italo-brasiliani sono invece ancora a bordo, dove aspettano i risultati dei test.

Leggi di più
Coronavirus, sviluppato in Cina test rapido

Coronavirus, sviluppato in Cina test rapido

Lascia la recensione
Il nuovo prodotto potrà essere usato presto

Ricercatori dell'università cinese di Nankai hanno sviluppato un nuovo test rapido per il coronavirus in grado di dare una risposta in 15 minuti, secondo quanto rende noto il 'Global Times'. Il nuovo prodotto potrà essere usato presto nella gestione dell'epidemia.

Leggi di più
Coronavirus, 97 casi in Emilia-Romagna

Coronavirus, 97 casi in Emilia-Romagna

Lascia la recensione
Regione, impennata a causa di tamponi anche ad asintomatici

Sono saliti a 97 in Emilia-Romagna i casi di positività al coronavirus: 63 a Piacenza, 18 a Modena, 10 a Parma, tutti riconducibili al focolaio lombardo, e 6 a Rimini. Nessuno dei nuovi pazienti è in terapia intensiva, dove invece rimangono i tre di ieri (uno all'ospedale di Piacenza e due a Parma). La maggior parte dei pazienti si trova in condizioni non gravi: molti sono asintomatici o presentano sintomi modesti (febbricola e lieve tosse). Lo comunica la Regione Emilia-Romagna nel primo bollettino di giornata sul coronavirus.


L'aumento dei riscontri positivi (che ieri pomeriggio erano 47), sottolinea la Regione, è "dovuto anche all'elevato numero di tamponi" refertati in regione, ovvero 1.033, "ed effettuati nei giorni scorsi anche su persone asintomatiche spesso contatto di casi positivi, prima che le nuove indicazioni nazionali stabilissero la necessità di fare il test tampone solo in caso di sintomi manifesti".

Leggi di più
Abruzzo turista positivo, chiuse scuole a Roseto

Abruzzo turista positivo, chiuse scuole a Roseto

Lascia la recensione
In ricostruzione movimenti paziente brianzolo in Abruzzo

Il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio ha sentito il sindaco di Roseto, Sabatino Di Girolamo, il quale ha deciso in qualità di autorità sanitaria di chiudere precauzionalmente le scuole.

Il presidente Marsilio è in continuo contatto con l'assessore alla salute, Nicoletta Verí, e il dirigente della Protezione civile regionale che stanno seguendo con la Asl di Teramo la ricostruzione di tutti i movimenti del paziente ricoverato per decidere le misure da adottare.

Il presidente Marsilio, inoltre, è a strettissimo contatto anche con il ministro Speranza e con il commissario Borrelli, con loro la Regione sta condividendo e condividerà tutte le azioni del caso per affrontare nella maniera migliore questa emergenza. "L'Abruzzo continua a rimanere regione fuori cluster - ha confermato il presidente Marsilio - stiamo lavorando e lavoreremo per mettere in quarantena le persone che sono state a stretto contatto con questo paziente".

Leggi di più
Coronavirus, i primi casi positivi in Toscana a Firenze e Pescia

Coronavirus, i primi casi positivi in Toscana a Firenze e Pescia

Lascia la recensione
Si tratta di un imprenditore tornato da Singapore e di un informatico che ha lavorato a Co...

In Toscana ci sono i primi due casi accertati di infezione da Coronavirus. In mattinata è stato lo stesso commissario straordinario per l'emergenza coronavirus Angelo Borrelli, a confermare la positività di due persone al Covid-19. Dal virus sono stati colpiti un imprenditore fiorentino di 63 anni e un informatico 49enne di Pescia.

Il 49enne era rientrato giovedì sera da Codogno (Lombardia), dove ha soggiornato tre giorni per lavoro. Da venerdì si era messo in autoisolamento volontario su indicazione del medico di famiglia e sotto sorveglianza della Asl. Lunedì mattina, dopo un picco febbrile, ha contattato le strutture sanitarie che gli hanno mandato un’ambulanza del 118 a casa per portarlo, in isolamento, al nosocomio di Pistoia per tutti gli accertamenti. L’uomo al momento è in buone condizioni di salute, in isolamento nel reparto di malattie infettive.

Leggi di più
Ordigno da disinnescare: domenica disagi a Venezia

Ordigno da disinnescare: domenica disagi a Venezia

Lascia la recensione
Dalle 7.30 alle 12.30 sarà sospesa la circolazione ferroviaria fra le stazioni di Venezia ...

Rinvenuto un residuato bellico a Venezia che verrà disinnescato e rimosso.

Per consentire le operazioni degli artificieri, che avranno luogo domenica 2 febbraio su ordinanza del Prefetto di Venezia, dalle 7.30 alle 12.30 sarà sospesa la circolazione ferroviaria fra le stazioni di Venezia Mestre e Venezia Santa Lucia.

Sono state dunque previste modifiche al programma di circolazione ferroviaria con variazioni o limitazioni di percorso. In particolare i treni della lunga percorrenza termineranno o inizieranno la corsa nella stazione di Venezia Mestre.
Analogo provvedimento sarà adottato per i treni regionali a eccezione di:

due treni regionali provenienti da Bologna con termine corsa a Padova;
due treni regionali provenienti da Verona con termine corsa a Padova;
una coppia di treni relazione Sacile - Venezia con termine e origine corsa a Treviso.

Infine, non sarà possibile effettuare servizi sostitutivi con bus nella tratta Venezia Mestre - Venezia Santa Lucia per il concomitante blocco del traffico stradale. L’orario per il termine delle attività potrà variare in base all’effettivo completamento dell’intervento.

Leggi di più
Protezione Civile Regione Abruzzo

ABRUZZO

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Basilicata

BASILICATA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Calabria

CALABRIA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Campania

CAMPANIA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Emilia Romagna

EMILIA ROMAGNA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Friuli Venezia Giulia

FRIULI VENEZIA GIULIA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Lazio

LAZIO

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Liguria

LIGURIA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Lombardia

LOMBARDIA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Marche

MARCHE

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Molise

MOLISE

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Piemonte

PIEMONTE

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Puglia

PUGLIA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Sardegna

SARDEGNA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Sicilia

SICILIA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Toscana

TOSCANA

Lascia la recensione
VEDI I DETTAGLI
Leggi di più
Protezione Civile Regione Trentino Alto Adige

TRENTINO ALTO ADIGE

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Umbria

UMBRIA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Valle d'Aosta

VALLE D'AOSTA

Lascia la recensione
Leggi di più
Protezione Civile Regione Veneto

VENETO

Lascia la recensione
Leggi di più